giovedì 24 aprile 2014

ALLARME COLESTEROLO ALTO

 Il colesterolo alto, cioè oltre i 240 mg/dl, è ormai diffusissimo in Italia e molto aumentato negli ultimi 10 anni in entrambi i sessi, visto che riguarda il 38% degli italiani contro il 24% del 1998-2002.
In aumento anche la diffusione di stili di vita non salutari, primo fra tutti il consumo di sale, che apre le porte alla pressione alta: gli italiani in tutte le regioni ne introducono molto di più dei 5 grammi al giorno consigliati dall'Oms. Resta alta la sedentarietà, anche se la popolazione adulta inizia a muoversi un po' di più: il 31% degli uomini e il 42% delle donne non pratica alcuno sport nel tempo libero, valori in discesa rispetto al 35% e al 48% del 2002.
Aumenta significativamente anche il diabete: ben il 14% degli uomini e il 9% delle donne ha la glicemia alta, un valore molto più elevato rispetto al 12 e 7% rilevato in precedenza, e di questi uno su quattro non sa di avere questo problema.
Il Sud è più colpito da obesità e da sedentarietà, soprattutto fra le donne (rispettivamente oltre il 31% di obese e 57% di inattive). Esplode in queste regioni anche il diabete (17% fra gli uomini e 13% fra le donne), mentre al Centro ci sono i fumatori più incalliti (24% delle donne e 21% degli uomini, con un picco del 27% fra le tabagiste nel Lazio). Quanto a consumo di sale, la 'maglia nera' va a Calabria e Basilicata: i calabresi superano i 12 grammi al giorno, le donne lucane i 10 grammi.


Fonte: Adnkronos Salute

Nessun commento:

Posta un commento